In tendenza

Notte di terrore in guardia medica: aggrediti un medico e il padre da 5 giovani di Avola

Fino alle 3 è andato tutto bene, poi è suonato quel maledetto citofono: erano in 5, tutti di Avola, reduci da una festa di 18esimo compleanno

Calci, pugni, un braccio rotto, una porta d’ingresso scardinata e due stanze buttate letteralmente in aria. Non è un film di Bud Spencer e Terence Hill, ma quanto accaduto realmente ieri notte nei locali della guardia medica di Portopalo, in via Sturzo. I malcapitati vittime di una selvaggia aggressione sono un giovane medico neolaureato e in servizio alla struttura dell’Asp del paese marinaro, e il padre, che si trovata lì per far compagnia al figlio durante la notte e ora, invece, si trova ricoverato all’ospedale “Trigona” di Noto con un braccio rotto.

Fino alle 3 è andato tutto bene, poi è suonato quel maledetto citofono: erano in 5, tutti di Avola, reduci da una festa di 18esimo compleanno. Uno di loro stava male e hanno deciso di portarlo in guardia medica. Ma quando il medico -e il padre – non hanno autorizzato tutti a entrare nella struttura per via delle restrizioni anticovid, ma solo al malato e ad un accompagnatore, è scattata la furia.

Hanno scardinato la porta d’ingresso, aggredito il medico e il padre, che ha avuto la peggio riportando una lesione all’avambraccio per cui è stato necessario il ricovero con l’ambulanza del 118 all’ospedale “Di Maria” di Avola, e successivamente trasferito in ortopedia a Noto. Insomma, botte da orbi e poi i locali della guardia medica messi a soqquadro al punto che è scattato l’allarme e sono intervenuti i carabinieri. I militari dell’Arma hanno faticato a sedare gli animi: ci sono volute due ore per avere ragione della rabbia dei 5 indiavolati avolesi. Alle 5 del mattino è stata scritta la parola fine all’aggressione, ma la vicenda molto probabilmente andrà avanti poiché è scattata una indagine, a seguito delle lesione subite dal giovane medico e dal padre, per dare nomi e volti agli autori della violenta aggressione.

Sebastiano Diamante


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo