In tendenza

Luigi Fiumara, primario chirurgia ospedale di Avola, sosterrà De Luca alle Regionali

L'ufficializzazione è giunta ieri

Per la presidenza della Regione la sfida ideale per me è avere da un lato Caterina Chinnici e dall’altro Nello Musumeci“. Lo ha detto a Siracusa il candidato alla presidenza della Regione siciliana, Cateno De Luca, che ha ufficializzato l’ingresso nel suo movimento del primario di Chirurgia dell’ospedale di Avola, Luigi Fiumara, e dell’ex presidente del Consiglio comunale di Siracusa, Moena Scala, appena uscita dal M5s seguendo il percorso di Dino Giarrusso, presente alla conferenza stampa. “Caterina Chinnici è una fantastica icona, una donna meravigliosa – aggiunge il leader di Sicilia vera – ma nessuno si ricorda che è stata assessore della giunta di Raffaele Lombardo. Quindi, la classica icona strumentalizzata dalla sinistra per far eleggere i quattro tromboni della politica che si nascondono dietro un’immagine“.

In merito alla crisi sui rifiuti, De Luca ritiene che Musumeci non abbia speso nessuno dei 70 milioni di euro per risolvere il problema dei rifiuti. “Musumeci – ha detto De Luca – è commissario da un anno e mezzo e non ha realizzato una infrastruttura. Ne servono di secondo livello e io a Messina sono riuscito a portare la raccolta differenziata dall’8% al 60%“. Il procuratore di Catania Zuccaro ha riferito che la scelleratezza della politica favorisce il sistema criminale della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. Io dico che Musumeci non ha speso nulla e si lamenta“. Sulla crisi del petrolchimico di Siracusa, auspica un patto europeo e una Zes allargata: “È fondamentale sottoscrivere una operazione che consenta di abbattere i costi del lavoro ma nemmeno questo basterebbe. Il vero problema è il fattore tempo io ho parlato con tanti imprenditori per cui la cosa peggiore in Sicilia non è la mafia ma il sistema delle autorizzazioni“.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo