Il “Barocco line” fermerà anche ad Avola e Fontane Bianche: la conferma dell’assessore Falcone

L'assessore regionale alle Infrastrutture ha confermato l'inserimento delle due stazioni all'interno dell'iniziativa presentata nei giorni scorsi

Foto: Claudio Conti

Il treno “Barocco line” fermerà anche a Fontane Bianche e ad Avola. A darne conferma è stato l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone presente oggi a Siracusa per la presentazione della riqualificazione della scuola albergo di via Crispi. L’assessore regionale era stato a Siracusa proprio la scorsa settimana per l’inaugurazione della “nuova” linea ferroviaria che collega tutte le domeniche e nei giorni festivi il capoluogo aretuseo con Donnafugata, attraversando tutta la val di Noto.

Nello specifico si tratta di 18 corse in totale, nove da Siracusa al comune ragusano e altrettante in senso opposto che fermano anche a Noto, Modica, Ragusa Ibla, Ragusa. Proprio in occasione della presentazione del nuovo servizio Trenitalia aveva già aperto alla possibilità di aggiungere al percorso la stazione di Fontane Bianche, così da ampliare l’offerta, aiutare il collegamento tra Siracusa e una delle zone balneari maggiormente battute e consentire – soprattutto – l’utilizzo di un mezzo alternativo alla macchina. E pochi giorni fa gli ex consiglieri comunali di “Lealtà e Condivisione”, Carlo Gradenigo e Simona Cascio, con i presidenti delle associazioni del Raggruppamento “Siracusa Sud”, hanno svolto una manifestazione simbolica proprio alla stazione di Fontane Bianche per chiedere l’attivazione del servizio.

Insomma un pressing “popolare” e politico (visto anche l’interessamento del deputato regionale Rossana Cannata e del M5S) che ha portato i propri frutti. visto che stamattina l’assessore Falcone a chiare lettere ha detto che “se non accadrà già da questa domenica, al massimo entro l’8 agosto contiamo di annunciare che il Barocco line sarà disponibile sia per Fontane Bianche sia per Avola. In un primo momento non avevamo previsto quelle fermate perchè in passato c’era stata una bassa frequentazione. Oggi, però anche a seguito della richiesta dei territori riteniamo che questo servizio debba essere garantito anche alla luce del fatto che la popolazione viaggiante nel 2019 ha visto un incremento di 1,2 milioni rispetto al 2018 e nei primi mesi del 2020, vale a dire nel periodo pre Covid avevamo registrato un’ulteriore crescita di 210 mila passeggeri rispetto al medesimo periodo del 2019. Dati che ci suggeriscono di fatto la necessità di incrementare il servizio ferroviario“.

Soddisfazione per il risultato raggiunto anche da Emiliana Carpinteri, presidente del circolo di Fratelli d’Italia Atreju di Siracusa. “Ringraziamo l’assessore Falcone per aver accolto la richiesta di inserire Fontane bianche tra le fermate del treno del barocco – dice – Una grande opportunità, scoprire in treno la bellezza del barocco nel Val di Noto, alla quale si è interessata la nostra deputatata Rossana Cannata che ha sostenuto e condiviso la necessità della tappa di fontane bianche da subito facendosi portavoce con l’assessore Falcone.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo