Avola, vandalizzata la recinzione del “campo espositivo” al Museo della Mandorla

L'increscioso episodio, avvenuto la scorsa settimana, è stato denunciato alle forze dell'ordine

Hanno approfittato delle ore notturne i vandali che, la scorsa settimana, si sono introdotti all’interno del campo espositivo del “Museo della mandorla e delle tradizioni locali” (in cui sono  piantumati mandorli, viti, limoni e canne da zucchero) dopo aver danneggiato la recinzione. Il fatto è avvenuto poco prima della “festa della mandorla e del nero d’Avola”, che ha avuto come cornice proprio il centro giovanile all’interno del quale è ospitata la struttura museale.

A darne notizia è lo stesso direttore del museo Corrado Bellia: “Si presuppone sia opera di un gruppo di ragazzi che è stato visto in più occasioni stazionare in zona. Qualcuno, probabilmente preso dai fumi dell’alcool, ha deciso di porre in atto un comportamento del tutto incivile e ingiustificabile da qualunque punto di vista” dice Bellia. Niente più che una “bravata”, dunque, ma che non può essere affatto sottovalutata. Sul campo, accanto a una canna da zucchero abbattuta, sono state rivenute diverse bottiglie vuote di birra.

Il Comune di Avola ha denunciato l’increscioso episodio alle forze dell’ordine. “L’auspicio, naturalmente, è che non si ripetano più episodi simili – conclude Bellia – e che, soprattutto, venga installato un sistema di videosorveglianza che sia da deterrente per evitare ulteriori danneggiamenti e furti”. Nel frattempo, la recinzione abbattuta è stata ripristinata


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo