Avola, una lezione pratica di senso civico: gli alunni puliscono la palestra del “Vittorini”

Al momento l'istituto è carente in organico, poiché i bidelli sono in malattia

Si sono armati di scope e secchielli e hanno ripulito la palestra della loro scuola. Non è un istituto giapponese (dove gli alunni, come da prassi consolidata, sono educati all’importanza della collaborazione e riassettano le aule dopo aver svolto le lezioni) ma è il  Vittorini di Avola, dove tre piccoli studenti, con la supervisione del loro docente Lorenzo Alia, hanno asciugato il pavimento della palestra del plesso Vittorini, resa inagibile dalle abbondanti piogge dei giorni scorsi. Si tratta di Kevin Morale, Gaetano Scala e Sebastiano Liotta.

Alunni degni di lode – come li ha definiti il professore Alia – grazie a loro la palestra è tornata agibile”. A causa, infatti, di una infiltrazione (dovuta a una piccola finestra in plexiglass rotta) durante le forti piogge che si sono abbattute sul versante orientale dell’isola nel mese di novembre, la palestra si è riempita di acqua. Una emergenza acuita dalla temporanea mancanza di personale (i due bidelli, infatti, sono al momento in malattia). Ma i combattivi alunni del Vittorini non si sono persi d’animo e hanno deciso di “riconquistare” la loro palestra. “Tre piccoli eroi – dice la dirigente scolastica Lina Alaimo – hanno dimostrato un grande senso civico. Siamo tutti orgogliosi del loro gesto”. Da oggi, grazie al lavoro volontario dei tre piccoli eroi del Vittorini, tutti possono tornare a svolgere regolarmente le lezioni di educazione fisica.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo