In tendenza

Avola, torna la rassegna teatrale “Fuori dagli schermi”: primo appuntamento il 3 settembre

Per la prima volta dal vivo "Mammadraja"  spettacolo messo in scena solo "virtualmente" lo scorso inverno a causa delle restrizioni anti contagio

Dopo la prima fortunata edizione estiva e poi quella invernale, torna “Fuori dagli schermi”, la rassegna di teatro per famiglie che unisce per tre giorni grandi e piccini.
Siamo entusiaste di ritornare ad Avola ed offrire ai ragazzi la possibilità di godere di momenti ricreativi e stimolanti soprattutto viste le restrizioni di questo inverno appena passato” queste le parole di Aurora Miriam Scala e Maria Chiara Pellitteri le giovani direttrici artistiche della rassegna.

Quest’anno la manifestazione si svolgerà all’ interno della Villa Comunale nei giorni 3-4 e 5 Settembre. Un intero week-end interamente dedicato a un pubblico di grandi e piccoli, che potrà godere di tre differenti spettacoli.

Si inizia il 3 settembre con “La Cicala e la formica” della Compagnia Nave Argo ,testo e regia di Iridiana Pedrone ,con Iridiana Pedrone e Giuseppe Brancato. Liberamente ispirato alla nota favola di Esopo, è uno spettacolo che con ironica leggerezza ridisegna il carattere dei protagonisti in scena proponendo agli spettatori una riflessione sull’importanza del rispetto dell’altro diverso da sé stesso, occasione per imparare qualcosa di nuovo e crescere responsabilmente apprezzando le arti e la dedizione al lavoro.

Giorno 4 sarà la volta di “Cappuccetto RoZZo” ;compagnia Casa di Creta, di Antonella Caldarella, con Steve Cable e Antonella Caldarella. Un colorato cantastorie straniero arriva con la sua fedele chitarra per raccontare, cantando, la fiaba più amata dei bambini e tutto andrebbe per il verso giusto se non fosse per Gigetto, un dispettoso burattino che, dopo una carrellata di gag, riesce definitivamente ad interrompere l’amico cantastorie per convincerlo a cambiare la storia…cosa accadrà?

La Rassegna terminerà giorno 5 Settembre con lo spettacolo “Mammadraja” della Compagnia La Bottega del pane young. La piece è stata messa in scena solo nella versione on-line durante questo inverno a causa delle chiusure e adesso potrà finalmente prendere vita davanti al pubblico. In scena una istrionica Donatella Liotta. Sarà lei a vestire i panni di un’orchessa pasticciona alle prese con il fratello Drajanazzo pronto a schiacciare tutti con i suoi grandi piedi e un bambino furbo e intelligente, Tridicino, che le cambierà la vita. Il cast è completato da Maria Chiara Pellitteri, Aurora Miriam Scala e Alessandro Accardi. Testo e regia di Aurora Miriam Scala.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo