In tendenza

Avola, tentato omicidio: riformata la pena in appello per un 31enne avolese

I fatti sono avvenuti nell'estate del 2020

Si conclude il giudizio di appello nei confronti di D.p. S., avolese classe ’90, che in sede di appello ha visto ridursi la pena ad anni sei di reclusione a fronte della condanna inflitta in primo grado dal gup del tribunale di Siracusa che lo aveva condannato ad anni sette e mesi quattro di reclusione.

Il giovane avolese, nel giugno del 2020, si era reso responsabile del reato di tentato omicidio, aggravato dall’essere stato commesso davanti a soggetto minore e pertanto arrestato e tradotto in carcere. La prima sezione Corte di Appello di Catania ha inteso ridurre la pena inflitta in primo grado appunto fissando la condanna ad anni sei di reclusione accogliendo, anche se solo in parte, i motivi di appello proposti dalla difesa del giovane avolese rappresentato dall’avvocato Natale Vaccarisi.

Il giovane, che nelle more è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, aveva già in primo grado fornito una propria ricostruzione dei fatti al fine di  chiarire la proprio posizione e ciò che era successo la sera del 4 giugno del 2020.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo