In tendenza

Avola, stasera presentazione di “La maga saraghina” con il duo Curamunì

Cortile della biblioteca comunale

Stasera, al cortile della biblioteca comunale, “ntra lu filu, donne e canti medicina del sud”, con la presentazione del libro “Maga Saraghina” di Evelina BArone.  Una  storia che nasce come mito fondativo di una città ad opera di una donna. I fondatori di città sono sempre stati figure maschili, eroi eponimi. Nel caso della città di Spaccaforno (oggi Ispica), la leggenda, riportata da Serafino Amabile Guastella e in seguito dal Pitrè, attribuisce la fondazione alla maga Saraghina: una misteriosa figura femminile, giunta dall’Oriente, in possesso dell’arte della stregoneria, che trasmette alle donne di Spaccaforno. La maga diviene l’astronoma, la medichessa e, andando ancora più indietro nel tempo, sacerdotessa di Ecate e di Demetra, quindi conoscitrice della natura e dei suoi cicli.

Ad accompagnare la narrazione ci saranno i CurAmunì, il duo che con la propria produzione musicale esprime l’idea di curare l’anima, attraverso la ricerca, lo studio, il canto e la riproduzione dei brani popolari e i cunti inediti di Maurizio Battista, presenti nell’Ep Rariki, e della tradizione siciliana e del sud del Mondo.

Ingresso gratuito, alle 20.30 (prenotazioni al numero 0931583288)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo