Fase 3, in Sicilia stop all’obbligo distanziamento per i passeggeri sui bus

Avola, sanzionati gli escursionisti di Cavagrande soccorsi sabato

Due ragazzi hanno accusato un malore. Ad aiutarli un carabiniere e un operatore del 118 che li hanno raggiunti a piedi a valle

Saranno sanzionati i giovani escursionisti soccorsi sabato scorso a Cavagrande del Cassibile dai Carabinieri e dal personale del 118. Si arricchisce di un nuovo capitolo la vicenda che riguarda il “salvataggio” degli escursionisti di cui abbiamo dato notizia proprio su queste pagine, nel fine settimana. Il gruppo formato da ventenni provenienti dalle province di Catania e Ragusa si era avventurato sabato mattina all’interno della Riserva naturale orientata di Cavagrande del Cassibile. Un malore per due dei giovani, però, ha trasformato il pomeriggio in una vera e propria “missione di salvataggio”.  Una avventura ai Laghetti , quella dei ragazzi, organizzata nonostante il divieto per il sentiero principale di accesso che insiste sulla riserva ormai da diversi anni. Ed è proprio per questo motivo che i giovani saranno sanzionati.

I Carabinieri della Compagnia di Noto rammentano, infatti, che, causa pericolo di rotolamento massi, sono interdetti gli accessi alla zona “A” della Riserva Naturale Orientata Cavagrande del Cassibile come da ordinanza della Regione Siciliana ben visibile attraverso apposita segnaletica presente in tutti gli accessi. I ragazzi saranno pertanto sanzionati come da normativa vigente. Sanzione anche per i due giovani soccorsi da uno dei militari di pattuglia, che ha dovuto far fronte anche alla difficoltà di non avere scarpe da trekking, essendo in divisa e ad un soccorritore del 118 (i ragazzi sono stati raggiunti a piedi e accompagnati lungo la risalita del costone).

 

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo