Avola, prodotti ittici privi di tracciabilità: sequestrati 5 chili di gamberi e 5 di calamari

Il pescato è stato donato in beneficienza alla Chiesa di San Tommaso al Pantheon di Siracusa

La Capitaneria di Porto di Siracusa, impegnata in attività di verifica della corretta applicazione delle vigenti normative in materia di pesca e commercializzazione del prodotto ittico sul territorio di Avola, ha notato la presenza di un venditore ambulante intento a commercializzare prodotto ittico con un furgone isotermico.

Esperite le necessarie verifiche documentali e dopo aver ispezionato il pescato posto in vendita, è stata riscontrata la mancanza di tracciabilità del prodotto ittico rinvenuto, circa 5 chili di gambero e 5 chili di calamari congelati.

Al venditore ambulante abusivo veniva conseguentemente elevato un processo verbale di illecito amministrativo per aver commercializzato prodotto ittico privo di qualsiasi documentazione idonea a tracciarne la provenienza.

Il pescato veniva sottoposto a sequestro amministrativo ed ispezionato da parte di personale Veterinario appartenente all’Aap 8 del distretto di Noto (SR), che lo giudicava idoneo al consumo umano e, pertanto, donato in beneficienza alla Chiesa di San Tommaso al Pantheon di Siracusa.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo