Avola, “operazione Eclipse”: rito abbreviato per 7 imputati

Per gli altri sette coinvolti, il processo prosegue con rito ordinario

Iniziato a Catania, davanti al Gup Luca Lorenzetti, il processo con rito abbreviato a carico degli avolesi Sebastiano Amore, Giovanni Di Maria, Corrado Lazzaro, Paolo Nastasi, Giuseppe Tiralongo, Corrado Vaccarella e Gianluca Vaccarisi, tutti coinvolti in quella che è stata denominata “Operazione Eclipse” . Fece molto “rumore”, il 18 gennaio scorso, l’operazione svolta dai Carabinieri della Compagnia di Noto e dai loro colleghi della Stazione di Avola che, su richiesta del Gip del Tribunale catanese e del Pubblico Ministero Alessandro Sorrentino, sostituto procuratore alla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, arrestarono i 7 (assieme ad altri 7 rinviati a giudizio). Diverse le accuse contestate, tra cui associazione a delinquere finalizzata al commercio, trasporto, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti (per un caso, anche di detenzione, porto e cessione di armi clandestine) tutti aggravati dal “ metodo mafioso” .
Le richiesta di condanne avanzate per gli imputati vanno da 9 anni e 4 mesi (per Sebastiano Amore, Giovanni Di Maria, Paolo Nastasi, Giuseppe Tiralongo, Corrado Vaccarella e Gianluca Vaccarisi) fino a 14 anni di reclusione chiesti per Corrado Lazzaro dal PM Sorrentino. Il processo è stato rinviato dal Gip all’udienza del prossimo 27 novembre in cui è prevista la discussione degli avvocati Alvise Troja e Puccio Forestieri, in difesa di Giovanni Di Maria e dell’avvocato Natale Vaccarisi in difesa di Sebastiano Amore. Per gli altri sette coinvolti in “Eclipse” (Monica Campisi, Concetta Cavarra , Giuseppe Capozio junior, Vincenzo Di Stefano, Paolo Liotta, Davide Nobile, e Paolo Zuppardo) il processo proseguirà con il rito ordinario al Tribunale di Siracusa.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo