Avola, La Capitaneria di Porto sequestra del tonno rosso sprovvisto di certificazione

Attività repressiva condotta dagli uomini della Capitaneria di Porto di Siracusa in un esercizio commerciale di Avola, nell’ambito di una serie di controlli eseguiti anche dall’ASP (Leggi qui):

A seguito dei controlli effettuati nella giurisdizione marittima di competenza è stata accertata la presenza di trance di tonno rosso, sprovvisti di qualsivoglia documentazione, ed in particolare la mancanza del documento di cattura previsto dalla normativa europea (B.C.D.), che ne attesta la provenienza dalle unità da pesca e tonnare fisse in possesso delle quote di cattura prestabilite dall’Unione Europea e fissate per la salvaguardia degli stock ittici della pregiata specie.

Redatti gli atti e terminati positivamente i controlli sanitari da parte del Servizio veterinario dell’A.S.P. di Siracusa – Sezione di Noto, si è provveduto alla distruzione dell’esemplare poiché non è stato possibile risalire alla provenienza. I militari hanno elevato una sanzione amministrativa a carico del trasgressore di euro 4.000.

Il tonno rosso, ricorda la Capitaneria di Porto, è una specie ittica sottoposta ad un particolare regime di protezione da parte della Comunità Europea. La cattura, infatti, è limitata a quote nazionali che ciascun paese non deve superare. La pesca del tonno può quindi essere effettuata solo da unità da pesca in possesso di permesso speciale e nei limiti della quota assegnata.

La Capitaneria di Porto proseguirà, anche nei prossimi giorni, l’attività di controllo sul territorio di competenza, al fine di prevenire e reprimere ogni condotta illecita in materia di pesca e della sua filiera.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo