Avola, fermato con oltre due kg di marijuana nascosta tra le cassette di frutta e verdura: arrestato un 55enne avolese

L'accusa è di detenzione ai fini di spaccio

Ben 2,4 chili di marijuana occultati tra le cassette di frutta e verdura, detenuti ai fini di spaccio. Con questa accusa un cinquantacinquenne avolese, Salvatore Piccione, è stato tratto in  arresto dagli agenti della Squadra mobile di Siracusa coadiuvati dai colleghi del commissariato di Avola.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, coordinati dai magistrati della Procura di Siracusa, l’uomo che indossava abiti da lavoro da bracciante agricolo è stato fermato nel capoluogo aretuseo a bordo di una macchina dagli agenti di polizia che, al termine della perquisizione, hanno rinvenuto  quel quantitativo di erba, contenuta in diversi involucri. Secondo una  prima, sommaria stima degli inquirenti, si sarebbero potute ricavare oltre 3 mila dosi per un valore commerciale di 20 mila euro.

L’uomo, difeso dall’avvocato Natale Vaccarisi, è stato accompagnato nella sua abitazione dove si trova agli arresti domiciliari e nelle prossime ore sarà interrogato dal Gip del Tribunale di Siracusa in occasione dell’udienza di convalida del provvedimento restrittivo. Al vaglio dei poliziotti, al comando del dirigente Gabriele Presti, resta da verificare l’effettivo ruolo di Piccione.

L’uomo potrebbe essere componente di una rete di spaccio gravitante nell’area di Avola, oppure un semplice “corriere”. Gli stessi agenti della Squadra mobile, circa una settimana fa, avevano arrestato un altro avolese in possesso di 350 grammi di cocaina, dopo una sua breve fuga in autostrada.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo