Avola, ennesimo orrore in rete scoperto e denunciato da Meter onlus

Una battaglia contro l'orrore delle pedofilia che l'associazione fondata da don Fortunato porta avanti da oltre 20 anni

Un altro orrore è stato scoperto e segnalato alle autorità dall’associazione Meter onlus. A darne notizia, sui canali social, è lo stesso don Fortunato di Noto, fondatore e presidente di Meter onlus che, nei giorni scorsi, ha denunciato l’ennesimo abominio scovato in rete.

Prosegue, infatti, senza sosta la lotta dell’associazione Meter onlus contro la pedopornografia. Pochi giorni fa l’associazione, uno dei più autorevoli e attivi osservatori del mondo sul fenomeno della pedofilia on line, ha reso noto di aver segnalato 268 file e un “numero imprecisato di download e di scambio di migliaia di pedofili” come ha scritto lo stesso don Fortunato sulla sua pagina Facebook .

Si tratta di un archivio digitale contenente materiale pedopornografico, diffuso nei canali del deep web, che porta a 856 le segnalazioni alle autorità per il solo 2020 a cura dell’associazione avolese. Una battaglia contro l’orrore perpetrato da pedofili che il sacerdote avolese porta avanti con forza da oltre 30 anni.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo