Avola e Noto, Progetto “Capitan Uncino”: Pronta per il varo l’imbarcazione “Perla Nera”

Baskin Sicilia su progetto “Capitan Uncino” e varo barca “Perla Nera”:

“E’ giunto il momento tanto atteso. Augurandosi che il vento sia quello giusto e il mare accolga pacifico la “Perla Nera”. Si, perchè il progetto “Capitan Uncino” al quale hanno partecipato 50 ragazzi, tra normodotati e disabili, dell’Istituto Superiore “E. Mattei” di Avola, coordinato dal Comitato Territoriale UISP di Noto, con il supporto tecnico del Circolo Velico UISP Mare Vento di Pozzallo e con la supervisione dell’Associazione SuperAbili Onlus, sta per approdare a Santa Marinella, vicino Roma per il Varo Nazionale.

Otto barche a vela di quattro metri: dopo mesi di progettazione, costruzione, verniciatura e decorazione, le barche a vela del progetto “Capitan Uncino: in mare aperto per tutte le abilità” sono pronte per il Varo Nazionale, previsto sabato 18 maggio alle 15, nel Porto turistico Odescalchi di Santa Marinella. Il progetto, promosso dall’Uisp-Unione Italiana Sport Per tutti e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nell’ambito della legge 383 di promozione sociale, ha visto protagonisti circa 500 ragazzi/e.

“Capitan Uncino” ha coinvolto sette città italiane, dalla Sicilia alla Lombardia: Noto (Sr), Ferrara, Como, Civitavecchia (Rm), Gaeta, Salerno, Tricase (Le). L’idea che ha animato il progetto è che lo sport, la vela in particolare, possa rappresentare uno strumento di aggregazione e integrazione sociale. Tutto è stato fatto in casa dai ragazzi, con chiodi, compensato marino e lana di vetro presso il Porticciolo Turistico di Contrada Zuccara (Avola) gestito dall’Associazione Due Mari.

Dai sette mini-cantieri sono state costruite otto barche a vela di quattro metri, costruite sulle esigenze di tutti, ragazzi e ragazze con disabilità e senza. Ogni gruppo ha vissuto un’esperienza basata sul lavoro in comune e sulla condivisione della cultura del mare, basata sulle antiche regole della Filibusta (XVI-XVII secolo), come educazione all’autorganizzazione, alla condivisione delle responsabilità e al rispetto delle diverse abilità. Il progetto è stato coordinato da una cabina di regia nazionale, in collaborazione con la Lega vela e i referenti locali dei Comitati Uisp coinvolti.

Il programma del varo nazionale a Santa Marinella è distribuito su due giorni. Sabato 18 alle 15 è prevista la messa in acqua degli scafi, nello scivolo del Porticciolo turistico. Le barche, assistite da gommoni e scafi d’appoggio, percorreranno in flottiglia un percorso di circa 300 metri contrassegnato da due boe. I ragazzi provenienti dalle sette città, insieme ai loro istruttori e insegnanti, si daranno il cambio a bordo delle barche e sarà agevole seguirli da terra, mare permettendo. Domenica 19 maggio si incomincia alle 9.15 con una cerimonia pubblica presso la sala del teatro della Parrocchia di San Giuseppe, di fronte al mare. Ciascun equipaggio presenterà l’inno composto per l’occasione, il motto e il jolly roger e illustrerà le fasi salienti dell’esperienza sia per la parte della filibusta che per il laboratorio di costruzione della barca. Partecipano anche rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali.

Quindi i nomi della delegazione dell’equipaggio avolese: il Comandante Salvatore Bruno, il Quartiermastro Cristian Di Pietro, i membri dell’equipaggio Salvatore Argentino, Francesco Basile, Angelica Depoli, Chiara Liistro, Sarah Loreto e Rossella Presti, accompagnati dal Cordinatore del progetto prof. Giuseppe Battaglia, dal Tutor di Filibusta dott. Vincenzo Spadaro, dal Maestro d’Ascia prof. Filippo Aiello e dalla dott. Sebina Inturri, assistente alla comunicazione ed insegnante LIS. Ovviamente al ritorno della delegazione si organizzerà un “varo locale” per festeggiare la conclusione del progetto e per permettere a tutto l’equipaggio di provare l’emozione di veleggiare in mare aperto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo