Avola, detenzione domiciliare per un pluripregiudicato avolese

Provvedimento preso dal Giudice di Sorveglianza e volto allo snellimento della presenza di detenuti nelle carceri, anche in ottemperanza delle disposizioni ministeriale per fronteggiare il coronavirus

Primi provvedimenti giudiziari a seguito del Decreto del Presidente del consiglio dei ministri del 18 marzo a fronte dell’emergenza covid 19 e della necessità di snellimento della presenza di detenuti nelle carceri italiane.

A seguito  di istanza presentata dall’avvocato Natale Vaccarisi, il magistrato di sorveglianza di Catania ha emesso ordine di detenzione domiciliare in favore del giovane pluripregiudicato avolese Lamloumi Samyr che era detenuto nel carcere di Caltagirone dall’agosto del 2017 per reato di tentata estorsione, lesioni e altro.

Il magistrato di Sorveglianza, nell’accogliere la richiesta, ha fatto, appunto, riferimento a quanto richiesto dal difensore decidendo che sussistevano tutti gli elementi previsti dal decreto legge nonché dalla legge 199/10.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo