Avola, cerimonia al liceo Majorana in ricordo di Roberta Racioppo

La giovane stava camminando a piedi con un’amica nei pressi del lungomare di via Elsa Morante quando è stata investita da un’auto

Un’aula dedicata alla memoria di Roberta Racioppo: il liceo di scienze umane si ferma per ricordare la giovane ex studentessa morta la scorsa estate. Una cerimonia toccante e partecipata ieri nel plesso del Majorana che ospita la sezione “liceo scienze umane” .

In tanti, infatti, hanno voluto ricordare Roberta, la cui giovane vita è stata spezzata a luglio in un terribile incidente stradale. A pochi giorni da quello che sarebbe stato il suo compleanno, familiari, amici, compagni di classe e docenti si sono riuniti in occasione della intitolazione alla giovane dell’aula di informatica del Majorana. Roberta, che aveva conseguito il diploma proprio al liceo scienze umane, stava studiando per realizzare il suo sogno di diventare hair stylist.

Ma nonostante tutto, bisogna sempre alzare il volto, guardare il cielo e rialzarsi, rialzarsi sempre” è la frase impressa sulla targa che è stata scoperta dal dirigente scolastico Fabio Navanteri. Alla cerimonia erano presenti don Maurizio Novello, che ha colto l’occasione per una serie di spunti di riflessione sui conflitti che possono presentarsi in età adolescenziale e la psicoterapeuta Angela Basile che ha parlato delle difficoltà legate alla fase di transizione verso l’età adulta. Presenti anche i genitori e il fratello della giovane, che hanno chiesto agli amici di continuare a coltivare nel loro cuore il caro ricordo della loro congiunta. Grandissima commozione, poi, alla proiezione del video, realizzato dagli studenti e dal docente Michele Scaglione, in cui Roberta appare serena e sorridente circondata dai suoi compagni di classe e amici.

Questi ultimi, hanno preso la parola per ricordare Roberta con pensieri e strofe di canzoni cui la giovane era particolarmente legata. Roberta è rimasta vittima di un incidente a pochi passi dalla zona della movida avolese la scorsa estate. La giovane stava camminando a piedi con un’amica nei pressi del lungomare di via Elsa Morante quando è stata investita da un’auto. Il 19enne alla guida, al quale era stata già ritirata la patente, è stato arrestato con l’accusa di omicidio stradale.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo