Nuovo Dpcm, Musumeci al governo Conte: “Roma pensi al ristoro per le attività chiuse”

Avola, “carrello solidale” con le associazioni in rete avolesi

Iniziativa con il patrocinio del Comune che coinvolge Crai e Lidl

La solidarietà non si ferma: ancora un “carrello solidale” per le fasce più fragili della popolazione. Questa nuova iniziativa parte dalle associazioni in rete, in collaborazione con il supermercato Lidl, il Crai e il patrocinio del Comune.

Aderire è semplice. Basterà, quando si andrà al supermercato a fare la spesa (una volta a settimana un solo componente per famiglia come imposto dalle regole di distanziamento sociale anti contagio da Coronavirus), acquistare qualcosa da lasciare “in sospeso” per chi ne ha più bisogno. Un pacco di pasta, una bottiglia d’olio, riso (evitare ovviamente gli alimenti freschi o a breve scadenza). Basta una piccola spesa, quel poco che si può donare. I prodotti, a fine giornata, saranno prelevati dai volontari e trasferiti al centro di raccolta dove saranno smistati in “borse spesa” da distribuire a chi ne ha più bisogno.

Il momento che stiamo attraversando è particolarmente grave, non solo dal punto di vista sanitario, ma anche da quello economico e sociale. Tutti noi componenti delle associazioni in rete di Avola ci stiamo attrezzando per dare una mano, assieme anche a enti pubblici, a chi è in situazione di necessità. Non ci illudiamo di risolvere il problema della povertà in cui vivono tante famiglie ma il nostro progetto servirà sicuramente ad evitare qualche dramma”. Sono le parole di Baldassare Cuda, presidente di Acquanuvena onlus che invita anche coloro che vogliono avere maggiori informazioni a contattare l’associazione su messenger o al numero di telefono 3351538650.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo