In tendenza

Avola, baby gang e vandalismo: stretta della Prefettura sulla sicurezza del territorio

Saranno ulteriormente intensificati i controlli del territorio

Il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica ha, nuovamente, affrontato il tema del disagio giovanile e delle azioni di prevenzione e di contrasto agli atti di violenza alla luce dei recenti accadimenti  registrati nei Comuni di Avola, Pachino e Rosolini

Il  Prefetto di Siracusa Giusi Scaduto  si è confrontata con il Questore Benedetto Sanna e i Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Col. Gabriele Barecchia e Col. Lucio Vaccaro. Incontro che ha visto la presenza anche dei tre sindaci Rossana Cannata, Carmela Petralito e Giovanni Spadola.

Proprio il sindaco di Avola, Rossana Cannata, appena poche settimane fa, attraverso un post, aveva  puntato l’attenzione verso la necessità di un incremento dei mezzi e del controllo da parte delle Forze dell’Ordine soprattutto dopo alcuni atti vandalici ai danni del bene comune.

L’approfondimento è stato effettuato con  i sindaci interessati, che avevano rappresentato i timori delle rispettive
collettività a seguito di recenti atti di vandalismo e furti, anche aggravati, in danno di esercizi commerciali e abitazioni private.

Sono stati attenzionati sopratutto gli episodi criminosi recenti, già oggetto di attività investigative ed è stato
concordemente ritenuto di effettuare servizi straordinari di controllo nei tre comuni, in aggiunta a quelli ordinariamente assicurati in tutto il comprensorio.
Il sistema di prevenzione dei reati, inoltre, potrebbe arricchirsi a breve di ulteriori strumenti grazie ai progetti per la realizzazione di impianti di videosorveglianza presentati dai tre Comuni nell’ambito del POC “Legalità” 2014/2020, che saranno valutati dal Comitato ordine e sicurezza pubblica proprio nei prossimi giorni.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo