Avola, Ancora minacce di morte al Sindaco Cannata. Domani luci spente per 10 minuti in dissenso alla politica economica

Per la seconda volta in poco meno di due mesi, il Sindaco di Avola, nonché vicepresidente di Anci Sicilia, Luca Cannata, è stato minacciato di morte. Mentre nel primo caso, l’evento si verificò pubblicamente, in Piazza Umberto I, nel pieno centro della cittadina siracusana, in questo frangente le modalità sono state ben diverse.

Al Sindaco Cannata è infatti stata recapitata nella giornata di venerdì una lettera anonima, contenenti frasi terribili ed un tourbillon di insulti rivolti al primo cittadino, reo secondo l’anonimo scrivente, di aver alzato a dismisura le tasse, lasciando sul lastrico le famiglie. La lettera si conclude poi con il macabro proposito di uccisione del Sindaco con 10 colpi di pistola.

Il Primo Cittadino di Avola, dal canto suo ha commentato la vicenda dichiarando che “l’esasperazione a cui viene portata la gente è frutto del malgoverno centrale, e che lui e la sua amministrazione continueranno a lavorare assiduamente per migliorare quanto possibile le cose. La gente soffre uno stato di disagio incredibile e noi sindaci siamo considerati i responsabili di tutto. Ciò non è possibile ! I nostri deputati devono sapere. La nostra classe dirigente deve sapere! Per esprimere il nostro dissenso lunedi spegneremo le luci della città, dalle 19:30 alle 19:40 per manifestare la nostra contrarietà alla politica economica attuale”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo