Avola, al “Vittorini” al via “Cantu e cuntu”: incontro con il regista Giovanni di Maria

Presenti il Maestro Bell'Arte, il musicista Alfonso Lapira e la dirigente Lina Alaimo

Un progetto che vuole essere un’occasione per riportare i più giovani alla scoperta della tradizione musicale siciliana. Si tratta di “Cantu e Cuntu”, ideato dall’Istituto “Bianca” di Avola nell’ambito della programmazione “Per Chi Crea” sostenuta dalla SIAE e dal MIBAC.

Pochi giorni fa, nell’auditorium del Plesso “VIttorini”, uno dei primi “step”: “Musica necessaria”, l’incontro tra gli studenti e il regista e documentarista Giovanni Di Maria,  ideatore e direttore artistico di festival ed eventi culturali, tra cui La Notte di Giufà e Medfest. Di Maria come documentarista ha all’attivo più di venti lavori ed è anche autore di sceneggiature e pièce teatrali. All’evento erano presenti il Maestro Sebastiano Bell’Arte, infaticabile direttore della Banda di Avola e il musicista Alfonso Lapira. Ad arricchire l’incontro l’esecuzione di brani tradizionali del Val di Noto, tra cui alcuni ancora inediti. “Bellissimo, coinvolgente, veramente istruttivo e di alto livello culturale” Questo il commento di Lina Alaimo, dirigente scolastico del Bianca/Vittorini. Il Maestro e il regista Di Maria hanno percorso, con l’ausilio di un video, i diversi aspetti antropologico-culturali della musica popolare. “Il Maestro Lapira ha spiegato, narrato e suonato fatti e pezzi della cultura e della musica della tradizione siciliana scoperti attraverso un’accurata ricerca, alcuni adattati e arrangiati coinvolgendo il pubblico e i ragazzi e facendoci cantare – continua Alaimo –  Un pomeriggio fantastico grazie al Professore Bell’Arte ideatore e organizzatore dell’evento che spero si possa ripetere al mattino con altri gruppi di alunni. Infine un ospite mi ha salutato con una frase divertente ma incisiva: “Grazie Preside per questa <botta> di cultura


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo