In tendenza

Avola, Al via il fermento elettorale: molto dipenderà dalla ricandidatura (o meno) del sindaco Cannata

Evoluzioni ed involuzioni della politica avolese. Spinti dalla febbre elettorale della vicina Noto, anche in città si scaldano i motori e si continuano a tessere le fila che porteranno alla formazione degli schieramenti che, fra meno di un anno, si contenderanno le cariche per le elezioni amministrative comunali. Il rebus è trovare l’antagonista dell’attuale sindaco Luca Cannata.

La sorpresa invece, potrebbe essere la non ricandidatura dell’attuale primo cittadino. Cannata prende tempo, e fino ad oggi non ha messo in discussione la sua ricandidatura alla carica di primo cittadino. Ma voci ben informate dal “Palazzo di Città” non escludono sorprese. Eventuali elezioni anticipate a Roma, per la carica di onorevole o a Palermo per un posto da deputato all’Ars, farebbero cambiare obiettivo all’ambizioso – politicamente parlando – sindaco avolese.

Il terreno per provare la scalata politica sembra fertile. Cannata gode di buona stima anche oltre ai confini avolesi. La carica di vicepresidente vicario dell’Anci gli ha anche dato la possibilità di stringere rapporti politici in tutta l’isola e i rumors a Palermo danno per scontato elezioni anticipate per la prossima primavera, proprio in concomitanza con le amministrative ad Avola. Questo scenario avrebbe ripercussioni politiche in città. Con Cannata candidato sindaco, la schiera dei pretendenti alla carica, si assottiglierebbe.

L’opposizione sta lavorando ad un gruppo politicamente e numericamente compatto per contrastare l’attuale sindaco nella cabina elettorale. In testa il Pd del segretario Corrado Santuccio che da mesi lavora per aggregare all’interno del partito democratico avolese varie correnti politiche locali. E’ stata “atti alla mano” l’opposizione più attiva in città in aula e fuori le mura del Municipio, organizzando convegni e appuntamenti politici. L’Udc, guidata dal Giuseppe Busà sembra aver trovato nuova linfa.

La prossima settimana, si presenterà la direzione del partito locale e le varie cariche. Dai nomi presenti si comincerà a capire il peso politico dell’Udc avolese e comprendere se avranno il potenziale per presentare un loro candidato a sindaco. A meno di sorprese, il consigliere Corrado Paolo Caruso proverà a mettersi in proprio proponendo una sua candidatura a sindaco, provando il “colpo” alla Cannata: solo contri tutti.

Il meetup locale dei 5 Stelle invece lavora ad intermittenza, non riuscendo bene ad attecchire sul tessuto elettorale della città. L’area del centrodestra avolese che non ha trovato spazio con Cannata invece, sembra attendere l’evoluzione politica. Con Cannata ricandidato a sindaco presenteranno la loro alternativa. Con il primo cittadino invece proiettato verso altre elezioni potrebbero trovare un accordo unitario e presentare un unico candidato.

Francesco Midolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo