Tennis, Caruso perde con Djokovic, ma al Roland Garros è esploso un talento

Finisce al terzo turno lo strepitoso cammino del tennista avolese

Il sogno è finito? Macché, siamo solo all’inizio. Salvo Caruso, tennista avolese, ha perso in 3 set al terzo turno del Roland Garros sbattendo (ma non così forte come si potesse immaginare all’inizio) contro il numero uno del mondo Novak Djokovic. 6-3, 6-3, 6-2 per il serbo, ma il talento avolese soprattutto nei primi due set ha dato l’impressione di potersela giocare alla pari.

Nel primo set ha avuto due palle break sul 3 a 1 per il serbo, ma Djokovic è stato bravo ad annullarle entrambe e poi a scappare sul 4 a 1 e chiudere 6-3.

Un Salvo Caruso sciolto, a braccio libero, senza paura e nulla da perdere sotto gli occhi dei tanti amici che l’appuntamento con la storia, lì sul centrale del Roland Garros non se lo sarebbero persi per nulla al mondo. Sotto gli occhi anche di mister Paolo Cannova, che dalla tribuna lo ha seguito e incoraggiato fino all’ultimo 15.

La classifica, adesso, dice che Caruso si avvicina alla Top 100 e che c’è un’estate da programmare nel migliore dei modi per difendere i punti dell’anno scorso e provare ad alzare l’asticella. Quello che è stato già fatto al Roland Garros, ovvero al torneo su terra battuta più importante del mondo: vinte le qualificazioni e via fino al terzo turno.

Il sogno continua, l’Italia ha trovato un talento da tenere in considerazione e gli amici di sempre se lo coccolano.

Aspettando Wimbledon…


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo