Lo strumento portatile di radiologia trasferito momentaneamente dal Trigona di Noto al Di Maria di Avola

Le rassicurazioni del direttore sanitario dell'ospedale unico Avola-Noto dopo la segnalazione del comitato Pro Trigona

“Il trasferimento dello strumento portatile di radiologia dal pronto soccorso di Noto al reparto di rianimazione di Avola è solo momentaneo. Quello di Noto non era mai stati utilizzato e quello di Avola si è guastato, è stata una scelta per evitare disagi, ma comunque solo temporanea“. Sono le parole del dott. Rosario Di Lorenzo, direttore sanitario dell’ospedale unico Avola-Noto, che arrivano dopo la segnalazione del comitato Pro Trigona sul trasferimento improvviso dell’apparecchiatura che permette di realizzare raggi direttamente in stanza e senza la necessità di trasportare i pazienti verso il reparto di Radiologia.

Trasferimento che comunque non convince i membri del comitato Pro Trigona, preoccupati che quel “momentaneo” venga poi dimenticati, e che ha richiamato l’attenzione del presidente della commissione speciale sanità Pietro Rosa, il quale ha chiesto chiarezza sui tempi ed un impegno scritto da chi ha presto questa decisione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo