“Italiani in Patria e nel Mondo”: conclusi i tre giorni di eventi diffusi tra Avola e Canicattini Bagni

Tre giorni ricchi di eventi, nel segno della "italianità nel Mondo"

In tanti hanno contribuito alla realizzazione e al successo del XVII raduno degli Italiani in patria e nel Mondo, tenutosi pochi giorni fa ad Avola e Canicattini Bagni. Numerosi, infatti,  gli enti e le associazioni coinvolte: dalle Amministrazioni delle due città  (di cui Avola è la capofila) fino a  Gli Avolesi nel Mondo, Globe Italia International, Cabriniland, Siciliani nel Mondo. La manifestazione ha avuto anche il sostegno dell’Ars, mentre l’Assessorato Regionale Turismo di Siracusa ha fornito agli ospiti carpette con materiale illustrativo della Provincia.

Tre giornate ricche di significato, trascorse all’insegna dell’amicizia, della cultura e dell’apertura all’altro anche durante le mattinate, nelle quali le escursioni in città hanno arricchito gli ospiti, mostrando bellezze altrimenti ignote – dice la presidente di Avolesi nel Mondo Grazia Maria Schirinà – Ad Avola è stata guida d’eccezione la prof.ssa Francesca Gringeri Pantano, coadiuvata dalla dott.ssa Sara Andolina; a Canicattini hanno illustrato la città il dott. Paolino Uccello, il prof. Salvatore Petruzzelli, e il dott. Tanino Golino. Di pomeriggio i moltissimi ospiti hanno dimostrato la vivacità della nostra terra in ambito economico, culturale, paesaggistico, medico, storico”.

Momento molto emozionante, poi, durante l’ultima giornata, in cui è stato ricordato l’archeologo Sebastiano Tusa, morto lo scorso marzo in un tragico incidente aereo in Etiopia. “Toccante il saluto e il ricordo fatto nel filmato, da parte della moglie la dr.ssa Patrizia Li Vigni Tusa, che ringraziamo per la gentilezza e l’attenzione al nostro evento – continua Schirinà –  A chiusura della serata è stato ricordato invece, a un anno dalla dipartita, il dott. Sergio Marchionne, che tanto lustro ha dato all’Italia. Questo ricordo è stato accompagnato dal melodioso violino del maestro Carmelo Lorito, ma altre performance ci sono state durante i tre giorni, come quella del gruppo “Avola Folk” e della bravissima Donatella Liotta, accompagnata dalla tromba del maestro Sebastiano Bell’Arte. E che dire del prof. Vincenzo Prestigiacomo di Palermo, storico e studioso della Famiglia Florio, presente tra noi con Chico e donna Ana Paula Florio, che, in occasione del 60 della morte di Vincenzo Florio D’ Ondes Trigona, hanno fatto rivivere una epopea tutta siciliana oltre che italiana e mondiale”.

Ricchissimo, poi, il parterre di relatori. Le tre giornate sono state arricchite, infatti,  dalle relazioni del Direttore del Dipartimento Acque e Rifiuti della Regione Siciliana, ing. Salvo Cocina e del colonnello dell’Aereonautica, Ignazio Cannizzaro, che hanno trattato dell’inquinamento nei suoi particolari aspetti del dott. Luigi Lombardo, già direttore della Biblioteca Comunale di Buccheri e docente di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi di Catania, a quelle del dr. Sebastiano Barone, direttore del Consorzio di Tutela IgP Pomodorino di Pachino che, nel suo breve intervento ha spaziato dal vino, agli agrumi, in particolare al cultivar Femminello di Siracusa ed Interdonato di Nizza di Sicilia oltre al pomodorino di Pachino, a quelle del dott. Aldo Carcaci, membro della Camera dei rappresentanti del Belgio, a quelle di Giuseppe Arnone, presidente dell’Università telematica Unicusano. Dall’estero, tra gli altri, hanno portato il loro contributo e la loro esperienza il dott. Gianfranco Cancemi, il prof. Jean Paul Manganaro, la dott.ssa Fausta Galluzzo, il sig. John Cummaudo e tanti altri.

Sarebbe troppo lungo enumerare gli interventi dei diversi ospiti, che ringraziamo tutti per la loro competenza e presenza, oltre che per la grande disponibilità” continua Schirinà. Sono stati inoltre assegnati premi alla memoria del prof. Antonino Mangiagli, del prof. Salvatore Ciancio, del pittore Corrado Frateantonio e del dott. Michele D’Amico, che fortemente volle il sodalizio de “Gli Avolesi nel Mondo”. Momento particolare quello del passaggio del “Triangolo di Luce” (la Sicilia) dalle mani del sindaco di Avola, dott. Giovanni Luca Cannata, che lo aveva ricevuto dalla città di Patti, alle mani del vice sindaco della città di Pozzallo, prof. Giuseppe Giudice. Il “Triangolo di Luce” sarà esposto acceso nella Sala Consiliare di Palazzo Giorgio La Pira fino al prossimo agosto 2020.

L’associazione “Gli Avolesi nel Mondo” ha segnalato le eccellenze avolesi nei vari campi dall’industria all’arte, all’associazionismo, alla cultura e alle scienze matematiche, e si è spesa nella riuscita di questo prestigioso evento, unitamente alle altre associazioni, nelle persone di Grazia Maria Schirinà, Pietro Paolo Poidimani, Rosa Di Bella, ai sindaci dott. Giovanni Luca Cannata e dott.ssa Marilena Miceli, all’assessore alla Cultura di Avola, avv. Simona Caldararo, al presidente del Consiglio comunale di CanicattiniBagni, dott. Paolo Amenta, al dott. Sebastiano Di Mauro, direttore del Gal Natiblei, e all’on. avv. Rossana Cannata. “Grazie infine agli intervenuti nelle tre giornate e ai Presidenti e delegati delle Associazioni Italiane in Patria nel Mondo” conclude Schirinà.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo