Avola, vandali al Collodi, anche sui lavoretti dei bimbi: ieri lo “sciopero” delle mamme

I bimbi della scuola dell'infanzia del plesso Collodi per due giorni non hanno svolto le lezioni

Atti vandalici al Collodi: mamme “sul piede di guerra”. Hanno svolto regolarmente lezione oggi i bimbi della scuola dell’infanzia del III istituto comprensivo Capuana, plesso “Collodi”, dopo due giorni di “agitazione”. L’edificio è stato preso di mira dai vandali nello scorso fine settimana.

I primi ad accorgersi del raid notturno sono stati i bidelli della scuola, entrati in servizio nella mattina di lunedì. È stata sfondata una vetrata (che era appena stata riparata, poiché oggetto di altro raid vandalico) e distrutti piccoli arredi e materiale didattico. I vandali non hanno risparmiato nemmeno i “lavoretti” artigianali su cui i bimbi stavano lavorando in vista del Natale.

Il giorno dopo le mamme hanno deciso di non fare svolgere le attività ai bimbi e hanno chiesto un incontro con la dirigenza scolastica. “Purtroppo questa scuola più di altre è stata presa di mira da ragazzi che sfregiano i nostri bambini con i loro atti vandalici e noi siamo stufi di gridare a chi di dovere aiuto per aiutarci a risolvere la questione. Noi genitori siamo in obbligo di insegnare ai nostri figli l’educazione e il rispetto per le cose, oltre che per gli altri” dice la signora Bellafiore, mamma di uno dei piccoli alunni del Collodi.

Siamo amareggiati anche noi per questa incresciosa escalation di atti vandalici – dice Paolo Tiralongo, vice preside della scuola – da parte nostra, come già detto alle mamme, piena disponibilità a collaborare e non verrà mai meno il nostro impegno quotidiano affinchè i piccoli svolgano l’attività didattica nella più assoluta tranquillità”. Lo “sciopero” delle mamme è terminato stamattina e oggi tutti i bimbi hanno svolto in piena serenità le lezioni.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo