Avola, Sei uomini per la poltrona da primo cittadino, 24 posti in Consiglio comunale. Inizia ufficialmente la corsa

L’11 giugno è la data scelta per le amministrative. Se a spoglio effettuato, nessuno dei 6 candidati avrà raggiunto il 40% delle preferenze, il 25 giugno si andrà al ballottaggio tra i 2 candidati più votati

Sono 6 i nomi tra i quali gli avolesi dovranno scegliere il loro sindaco che governerà la città per i prossimi 5 anni. Eccoli in ordine alfabetico: Giuseppe Caldarella, Daniele Calvo, Luca Cannata, Paolo Corrado Caruso, Simone Libro e Giuseppe Papa.

L’11 giugno è la data scelta per le amministrative. Se a spoglio effettuato, nessuno dei 6 candidati avrà raggiunto il 40% delle preferenze, il 25 giugno si andrà al ballottaggio tra i 2 candidati più votati. Ieri è stata la giornata della consegna delle liste, 16 in totale che partecipano alla competizione elettorale e che vedono schierati l’esercito dei 383 candidati alla carica di consigliere comunale. Le “poltrone” disponibili sono 24, 6 in meno rispetto all’attuale sindacatura. Anche se nessuno dei candidati alla poltrona di primo cittadino è donna, le quota rosa (obbligatorie per legge) fanno arrivare a 153 le candidate al Consiglio comunale a dispetto di 230 uomini.

Luca Cannata, che ha compiuto 38 anni ieri è dirigente e dottore commercialista oltre a essere il primo cittadino in carica. Riprova la sua riconferma a sindaco con l’appoggio di 8 liste a lui collegate nominando come futuri assessori, in segno di continuità, tre di quelli già in carica ovvero Simona Loreto, Massimo Grande e Sebina Caruso. Le liste collegate a Cannata sono: Avola la nostra terra, Primavera Italia, I love Avola, Continuiamo la fAvola, Avola con il Popolo della Famiglia, Forza Avola, Futuro Migliore e Insieme per Avola.

Pino Caldarella, 63 anni, medico di base e cardiologo è l’avversario del primo cittadino in carica con più liste a lui collegate. Rappresentante del Partito Democratico, inserito anche nella lista come candidato al consiglio comunale, Caldarella ha trovato l’appoggio oltre che del Pd anche di Sicilia Democratica, Sicilia Futura e Cantiere Popolare. Volti noti alla città come proposto di assessori: Fabrizio Alia, Marco Tiralongo, Vera Monello e Paola Basile.

Il consigliere comunale in carica Paolo Corrado Caruso prova il salto di qualità. Bancario, 55 anni, 2 mandati da consigliere comunale alle spalle, prova a sparigliare il banco presentandosi con la lista civica Uniti per Avola designato assessori Benedetto Sirugo, Salvatrice Cucillo, Pietro Zappulla.

Simone Libro, 34 anni, molto vicino alle politiche di Matteo Salvini, trova l’appoggio della lista civica Aria Nuova. Anche lui designa 3 assessori: Maria Puglisi, Sebastiano Solerte, Francesco Assennato.

Daniele Calvo, 35 anni, in forza all’Aeronautica Militare, scende in campo con la lista Un passo Avanti. Idee chiare per Calvo che propone già 6 assessori: Marco Urso, Fabio Riscica, Nunzio Reale, Pietro Roccaro, Esmeralda Liotta e Oriana Tiralongo.

Prima volta per il Movimento 5 Stelle alle elezioni amministrative avolesi. I “grillini” propongono Giuseppe Papa per la carica di primo cittadino. In forza all’Arma dei Carabinieri, 31 anni, alla sua prima esperienza in politica ha già scelto i nomi dei 3 assessori designati: Basile Alessandro, Campisi Giuseppe, Argentino Silvia.

Francesco Midolo


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi