Avola, “together we can”: al progetto di scambio culturale europeo protagonisti gli alunni del Capuana

I ragazzi si sono confrontati con i "colleghi" di altri quattro paesi europei

Culture a confronto, tradizioni, idee ma soprattutto strategie di insegnamento e approcci utili per l’inclusione di tutti gli alunni, anche quelli con particolari difficoltà socio-economiche. Questi i temi di “Together we can”, il progetto di mobilità al quale hanno preso parte i ragazzi dell’istituto Capuana.  ‘La prevenzione di ogni forma di discriminazione sociale ed economica’ al centro dei lavori degli studenti di tutti i paesi partner (Portogallo, Cipro, Spagna, Polonia e Italia). Gli studenti  hanno descritto la situazione sociale nel proprio paese ed il profilo socio-economico delle varie scuole con documenti, presentazioni, interviste, disegni, fumetti e video presentati dagli studenti e dai docenti.

All’ultima mobilità a Cipro, che ha rappresentato per i ragazzi un’opportunità di ‘apertura al mondo’ in un confronto diretto e costruttivo con l’Europa ( nonché un’occasione unica di crescita culturale e umana)hanno preso parte Antonio Scaglione,  Gaia Vassallo, Gaia Midolo, Alessandro Di Noto, Costanza Papa e  Alessio Salerno accompagnati dalle docenti Maria Rita Raeli e Daniela Scifo. I lavori sono stati, inoltre, coordinati dalla dirigente Domenica Nucifora e da Giovanna Campisi.

Arrivati a Cipro, il team è stato accolto con grande disponibilità e gentilezza dalla Dirigente della scuola di Dali, Mrs Ioanna, e dalle famiglie ospitanti.

Dopo le attività all’insegna della scoperta del patrimonio culturale cipriota,  i ragazzi sono stati divisi in ‘international teams’, gruppi misti per favorire la socializzazione, lo scambio ed il lavoro condiviso, principi fondamentali e basilari del ProgettoErasmus. Sono stati impegnati in interessanti workshops riguardanti l’arte, la musica, le scienze e l’educazione fisica con la realizzazione finale di lavori artigianali sul tema portante dell’incontro.

L’accoglienza da parte della scuola di Dali e delle famiglie è stata impeccabile sotto ogni punto di vista – dicono le referenti del progetto – Tutti si sono prodigati per offrire il massimo; hanno cercato di rendere piacevole, ad alunni ed insegnanti, ogni momento del soggiorno in questa meravigliosa isola. Apprezzatissimi anche gli incontri in relax tra i docenti, importanti per il confronto e lo scambio di idee nonché per i rapporti amichevoli che man mano si stanno consolidando”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo