Avola, “Sport di classe” al De Amicis: manifestazione conclusiva del progetto

Gli alunni seguiti dal tutor  Giuseppe Battaglia hanno partecipato durante tutto l’anno scolastico a numerose attività sportive di coordinazione e di equilibrio, in giochi ed attività varie, al fine di potersi relazionare positivamente con il proprio corpo e con gli altri

Festa in piazza per la chiusura di  “Sport di classe” al De Amicis. Un’invasione colorata in piazza Allende per la fine delle attività del progetto, indetto dal Miur in collaborazione con il Coni, che  ha coinvolto le classi quarte e quinte di scuola primaria dei plessi Lido e Coletta. Presente, oltre al dirigente scolastico Stefania Stancanelli e a tutto il corpo docente, anche il tutor sportivo Giuseppe Battaglia e l’assessore all’Istruzione Simona Caldararo.

Quest’ultima ha elogiato l’istituto per i traguardi raggiunti anche a livello nazionale e si è complimentata con il dirigente e con tutti i docenti e i bambini per l’iniziativa. Gli alunni seguiti dal tutor Giuseppe Battaglia hanno partecipato durante tutto l’anno scolastico a numerose attività sportive di coordinazione e di equilibrio, in giochi ed attività varie, al fine di potersi relazionare positivamente con il proprio corpo e con gli altri.

Per il 2017/2018 “Sport di classe” ha avuto come tema il Fair play e il perseguimento di obiettivi di educazione alla cittadinanza democratica e civile quali il rispetto dell’altro, il rispetto delle regole nello sport e nella vita. I ragazzi hanno incontrato anche i campioni di fair play come Giuseppe Gibilisco, Sofia Vinci , Salvo Nitto che hanno spiegato  quanto sia importante il sacrificio, l’impegno ed il rispetto per gli altri se si vogliono raggiungere traguardi ambiziosi.

Il dirigente scolastico, infine, ha lodato il lavoro svolto da tutti durante l’anno scolastico e ha messo in evidenza il risultato degli alunni della classe V E che hanno realizzato il miglior elaborato a livello provinciale sul fair play. Liddo Schiavo, delegato Coni, ha dichiarato: “un anno da ricordare questo vissuto dai bambini nelle lezioni di sport di classe . La grande collaborazione tra le maestre ed il tutor scolastico ha fatto raggiungere tutti gli obiettivi previsti dal progetto”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi