Avola, serrande abbassate per lutto: il borgo marinaro oggi si ferma per l’ultimo saluto a Roberta

Francesco Magliocco, il diciannovenne alla guida dell'auto che ha travolto la giovane, è comparso davanti al Gip del Tribunale di Siracusa

Nel giorno dell’ultimo saluto a Roberta Racioppo, le attività commerciali che insistono nell’area della movida avolese (a pochi metri dalla zona in cui la ventunenne ha perso la vita) abbasseranno le serrande per lutto. Le esequie della giovane, vittima di un incidente in via Elsa Morante nel fine settimana scorso, sarà  alle 17, in chiesa Madre. Sul fronte delle indagini, nel frattempo, Francesco Magliocco, 19 anni, il conducente dell’auto che ha travolto e ucciso la ragazza (arrestato  dalla polizia per omicidio stradale) è comparso davanti al Gip del Tribunale di Siracusa, difeso dall’avvocato Nino Campisi.

È stato convalidato l’arresto e riconfermata la misura restrittiva degli arresti domiciliari. A quanto pare, il diciannovenne è apparso provato e non ha retto alla tensione, scoppiando in lacrime in diversi momenti dell’interrogatorio a cura del Pm Marco di Mauro e del Gip Andrea Palmieri. Le indagini relative all’incidente proseguono e, tra l’altro si attendono gli esiti delle analisi disposte subito dopo l’arresto di Magliocco che dovranno fugare ogni dubbio sulle sue condizioni  al momento dell’incidente, considerato che, come riportato nella nota diffusa dalla Questura a poche ore dal sinistro, presentava “evidente stato di alterazione psico fisica”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo