Avola, prof aggredito in classe da genitori: una costola rotta per aver rimproverato il figlio in malo modo

Dopo essere stato ripreso, forse in maniera più “aggressiva" del solito, l’alunno ha chiamato i genitori che si sono presentati a scuola e hanno aggredito l’insegnante a calci e pugni

Una costola rotta per il prof che ha rimproverato l’alunno e occhiali distrutti per il collega che ha provato a sedare gli animi. Così si è chiusa un giornata di scuola al comprensivo Elio Vittorini di Avola dove intorno alle 12,15 di questa mattina, per un rimprovero dato a uno studente delle medie da parte di un professore, si è reso necessario l’intervento dei Carabinieri.

Dopo essere stato ripreso, forse in maniera più “aggressiva” del solito, l’alunno ha chiamato i genitori che si sono presentati a scuola e hanno aggredito l’insegnante a calci e pugni. Davanti a una classe di dodicenni, quindi, si è consumato uno degli spettacoli peggiori che dei genitori e la scuola potessero offrire.

Si tratta, certo, di un episodio isolato, accaduto in un’ottima scuola, con un alunno che non ha mai dimostrato insofferenze particolari, ma resta la pessima lezione di vita per i compagni di classe, e per lo stesso figlio, e una denuncia a piede libero per i due genitori, A.G. di 47 anni il papà e L. S. di 33 la mamma, che dovranno rispondere di interruzione di pubblico servizio e lesioni personali.

 

(Ha collaborato Francesco Midolo)


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo