Avola, prevenzione incendi: c’è l’ordinanza per la pulizia di terreni incolti e aree private

Previste pesanti sanzioni per chi non rispetta le prescrizioni

Pulizia dei terreni “incolti” nelle aree urbane ed extraurbane. Il sindaco firma una nuova ordinanza con l’obiettivo di assicurare decoro, sicurezza pubblica e prevenzione degli incendi e di arginare, con l’arrivo della stagione calda, la proliferazione di insetti.

Con l’arrivo della stagione estiva, infatti, si ripropongono alcune problematiche legate al rischio di incendi connessi all’incuria dei terreni. Il tutto dovuto al mancato taglio delle erbe infestati, che poi rappresentano anche ricettacoli di insetti e animali. L’emissione della nuova ordinanza (la numero 11) si ricollega proprio a tali esigenze di prevenzione. “Da qui la volontà di emettere una puntuale ordinanza – si legge nel provvedimento – con la quale i cittadini sono chiamati a tagliare l’erba e rimuovere gli sfalci; regolare le siepi, tagliare i rami delle alberature e delle piante e rimuovere i rami”.

Viene data, inoltre, disposizione ai proprietari terrieri di di realizzare una fascia parafuoco in prossimità di fabbricati e strade, tagliare erbe e siepi che ostacolano il passaggio dei pedoni o il transito dei veicoli sulla carreggiata, oltre  alla pulizia di erba lungo i muri di confine, la rimozione di piante che potrebbero cadere su piano stradale, la rimozione di materiali che potrebbero franare dai lotti confinanti e l’obbligo di mantenere in buono stato gli sbocchi degli scoli delle acque. È fatto divieto, inoltre, ai proprietari terrieri, ai contadini e coltivatori diretti di accendere fuochi nelle campagne attorno al paese dal 15 giugno al 15 ottobre. Il divieto riguarda la combustione di materiale agricolo o forestale proveniente da sfalci, potature o pulizia dei terreni.

Tra l’altro è anche vietato l’accensione di fuochi pirotecnici al di fuori di aree diverse da quelle appositamente individuate. Previste pesanti sanzioni per chi non ottempera ai divieti contenuti in tale ordinanza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo