Avola, oltre 500 mila euro in arrivo per migliorare le condizioni delle strade rurali

I fondi della comunità europea saranno utilizzati per migliorare l’accesso ai terreni agricoli e alle tante aziende che ruotano nel settore dell’agricoltura e che sono insediate in tutte le contrade

Oltre 500 mila euro in arrivo per migliorare le condizioni delle strade rurali di Avola. L’amministrazione comunale ottiene il finanziamento dall’Unione europea per rendere più efficienti i collegamenti stradali delle contrade avolesi con le arterie principali della città e dare così nuovo slancio alle imprese agricole e renderle più competitive. L’amministrazione riesce così a centrare l’obiettivo che si era prefissata partecipando al programma di sviluppo rurale 2014/2020 intercettando 501 mila euro necessari per intervenire nelle cosiddette “strade rurali”. I fondi della comunità europea saranno utilizzati per migliorare l’accesso ai terreni agricoli e alle tante aziende che ruotano nel settore dell’agricoltura e che sono insediate in tutte le contrade del territorio avolese.

L’ennesimo finanziamento ottenuto dall’amministrazione comunale – dice il sindaco di Avola, Luca Cannata – Nelle nostre contrade è aumentato notevolmente il numero di insediamenti civili, senza dimenticare la quantità di piccole e medie imprese non solo nel campo agricolo, e penso ai tanti bed & breakfast o agli agriturismi. Alcune arterie sono rurali e nell’attuale condizione sono soggette a rischio di allagamento. Senza dimenticare che molte strade periferiche potrebbero avere con il restyling anche un incentivo a non essere utilizzate come discariche abusive. Ecco, questo era quello che ci eravamo prefissati di fare e grazie all’ottenimento del finanziamento ora possiamo farlo concretamente”.

La difficoltà di accesso nelle aree agricole rappresenta uno dei problemi più seri che penalizza la competitività delle aziende siciliane e specialmente quelle che esercitano la propria attività nelle località definite periferiche. “Con queste risorse – conclude Cannata – si darà risposta concreta a gran parte dell’indotto agricolo”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo