Avola, linea dura contro gli “sporcaccioni”: mozione dell’opposizione in consiglio comunale

La mozione si è resa necessaria, a detta dei firmatari, dopo aver constatato la diffusione del fenomeno dell’abbandono delle deiezioni canine

Incentivare la pulizia, il decoro e la qualità dei servizi offerti ai cittadini nel centro storico e nei luoghi pubblici e sanzionare i trasgressori. A chiederlo, con una mozione presentata all’ultima seduta del civico consesso, è stato il consigliere di opposizione Nuccio Inturri, assieme a Gaetano Sano, Fabrizio Alia, Francesco Tardonato, Giuseppe Caruso e Giovanni Rametta.

Il decoro urbano del centro storico, inclusevi igiene e pulizia, è essenziale sia per la qualità della civile convivenza che per un’immagine positiva verso i turisti – si legge nella mozione – e pertanto gli uffici preposti devono impostare ed organizzare un “modus operandi” in modo da salvaguardarlo, acquisendo la coscienza che atteggiamenti indulgenti o poco attenti incoraggiano gli indisciplinati ed i disinvolti , i quali danneggiano l’intera città”.

La mozione si è resa necessaria, a detta dei firmatari, dopo aver constatato la diffusione del fenomeno dell’abbandono delle deiezioni canine (che contribuiscono a ledere il decoro della città), perfino negli appositi sacchetti che ultimamente vengono abbandonati sul pubblico suolo con le feci all’interno anziché depositati nei cestini portarifiuti. Altro sgradevole fenomeno riscontrato dai consiglieri è quello deposito nei cestini portarifiuti, specie nei cestini collocati nelle piazze, di sacchetti di rifiuti indifferenziati da parte di coloro che non intendono osservare modi e termini della raccolta differenziata, specie nel weekend, con pregiudizio del decoro e dell’igiene dei luoghi.

La richiesta avanzata dai consiglieri di porre in essere i necessari atti di indirizzo e gestionali volti alla tutela del decoro cittadino e alla eventuale repressione di condotte improprie è stata votata e approvata all’unanimità.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo