Avola, installare i semafori in corso D’Agata. Il consigliere Rossitto chiede interventi, l’assessore Morale: “intanto le bande rumorose”

Il capogruppo di "Insieme per Avola" Sebastiano Rossitto chiede l'istituzione di impianti semaforici in alcuni punti nevralgici del traffico cittadino. La risposta dell'assessore alla Viabilità Morale

Via Cesare Abba

Installare semafori quali possibili deterrenti alla pericolosità di corso Gaetano D’agata. Lo chiede il consigliere di opposizione, capogruppo consiliare lista “Insieme per Avola”, Sebastiano Rossitto, in un’interpellanza rivolta al sindaco Luca Cannata e al presidente del consiglio comunale Fabio Iacono: “in seguito ai numerosi e talvolta gravi incidenti automobilistici che di frequente si verificano nell’incrocio tra corso Gaetano D’Agata e via Cesare Abba e tra corso Gaetano D’Agata e via Armando Casalini, la interpello affinché venga adottata da questa amministrazione comunale, l’istituzione di un impianto semaforico in entrambe le strade, in prossimità di tali pericolosi incroci”.

Rossitto, poi, conclude: “un rimedio che ritengo potrebbe indubbiamente contribuire all’eliminazione o comunque alla forte riduzione di tali incidenti automobilistici, in passato alcuni di essi purtroppo anche molto gravi”.

A rispondere all’interpellanza è l’assessore alla Viabilità Paola Samantha Morale: “l’iter per la messa in sicurezza stradale della zona, percorso avviato già da tempo dall’amministrazione, è in fase molto avanzata. Abbiamo deciso di procedere all’installazione di bande rumorose, dopo avere constatato la poca efficacia del lampeggiante già installato all’incrocio con via Casalini. I lavori inizieranno in questi giorni”.

L’assessore, poi, continua con una precisazione relativa ai lavori in corso sul resto del territorio comunale: “Ancora una volta il consigliere Rossitto arriva in ritardo, anziché informarsi preventivamente con gli uffici preposti, relativamente ai lavori in corso. Mi preme sottolineare, poi, che l’attenzione sulla sicurezza stradale di tutto il territorio (comprese, naturalmente, aree nevralgiche come via Giovanni  XXIII il lungomare, via Catania) resta sempre priorità di questa amministrazione e che già in questi giorni tali zone sono oggetto dell’installazione di bande rumorose


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo