Avola, inaugurata la personale di Gianni Serra nella sala Frateantonio

La mostra “Erosioni laviche” sarà visitabile fino al 20 agosto

Sarà visitabile fino al 20 agosto la mostra “Erosioni laviche” dell’artista augustano Gianni Serra. La sperimentazione sui materiali inusuali  (la pietra lavica, l’acciaio, l’alluminio, la gomma liquida, il vetro, il gesso, lo stucco) e le forme geometriche dei “quadri/scultura” di Serra al centro dell’esposizione ospitata nella sala Frateantonio del Municipio. Arriva ad Avola una mostra dedicata alle suggestioni evocate dalle colate di lava, che letteralmente “sgorgano” dalle opere. Non solo colate, ma anche cuciture, geometrie materiche e “bianchi” cioè strutture di colore-non colore che riescono a dare spazio all’immaginazione.

La cifra stilistica di Serra è l’astrattismo geometrico: nelle sue opere le linee e le forme vengono pensate e costruite scrupolosamente, seguendo regole progettuali ben precise creando insospettabili equilibri laddove ci si aspetterebbe un “caos”.

Al vernissage, cui ha partecipato un numeroso e attento pubblico, erano presenti il primo cittadino Luca Cannata e l’assessore alla Cultura Simona Caldararo. Prezioso, infine, anche l’intervento della critica d’arte Giovanna Trefiletti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo