Avola, il consigliere Caruso risponde agli ex colleghi del “meetup” dei 5 Stelle

Nessuno "strappo" con il Movimento per il consigliere Caruso, che continua la collaborazione con M5S al di fuori del gruppo di lavoro "meetup" avolese. Caruso costituirà un nuovo meetup

Sono state dette falsità ed è il momento di fare chiarezza”. Il consigliere M5S Giuseppe Caruso risponde agli attacchi dei suoi ex collaboratori del meetup avolese che, qualche settimana fa, hanno deciso di interrompere i rapporti. Caruso è “colpevole”, secondo il meetup, di non avere rispettato, nel pieno dei suoi compiti istituzionali, gli ideali del Movimento.

Il movimento ad Avola è rappresentato dalla mia persona – dice Caruso – Ho avuto quasi 400 preferenze alle amministrative e siedo in consiglio comunale in rappresentanza del movimento con il quale non ho interrotto nessun tipo di rapporto, anzi godo della piena fiducia dei deputati M5S

Nessuno “strappo”, dunque, con M5S anzi, la collaborazione tra Caruso e i vertici del Movimento continua a pieno titolo. “Una polemica sterile quella del meetup che, ci tengo a chiarire, è un gruppo di lavoro e niente altro – continua Caruso –  Anzi, sto lavorando per costituire un altro gruppo di lavoro, dove convogliare energie nuove e positive. Ho agito sin dall’inizio della mia elezione a consigliere per il raggiungimento del bene comune e ciò ha comportato il mio sostegno alle iniziative dell’amministrazione Cannata che, è impossibile negarlo, ha lavorato per raggiungere i risultati che sono sotto gli occhi di tutti”.

Una comunione di intenti, poi, che è stata “benedetta” a marzo, durante la campagna elettorale per le politiche, anche dai deputati M5S che hanno speso parole di elogio per il percorso dell’amministrazione Cannata. “Se questo per il meetup è una “colpa” – conclude Caruso – è segno che queste persone non riescono a guardare al di là  del loro interesse specifico”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo