Avola, festa per le “scarpette rosse”: si chiude il progetto sulle pari opportunità

Terminata la mostra in itinere che, nelle ultime settimane, ha toccato diverse scuole della provincia siracusana

Si è concluso, con una partecipata cerimonia al cinetatro Odeon,  “Scarpette rosse” , il progetto sostenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e curato congiuntamente dal I circolo didattico avolese e dall’istituto “Verga” di Siracusa.

Si è chiusa, dunque, la mostra in itinere che, nelle ultime settimane, ha toccato diverse scuole della provincia siracusana (e che gode di un “gemellaggio” con un istituto di Novara), il cui obiettivo era  di sviluppare negli alunni un senso critico, una propria coscienza dei diritti e dei doveri, ma anche di promuovere i valori delle regole, del rispetto e del vivere civile , prevenendo i comportamenti scorretti e talvolta violenti.

Quadri viventi, installazioni creative, una mostra di lavori artigianali, elaborati audiovisivi tra i lavori realizzati dagli oltre centocinquanta alunni di scuola primaria e secondaria di primo grado, coordinati da un nutrito numero di docenti. Ricchissimo il parterre di ospiti dell’evento conclusivo: oltre alle due dirigenti degli istituti promotori Annalisa e Stefania Stancanelli, erano presenti le associazioni del territorio (Fidapa, Avolesi nel Mondo, Meter, Superabili e centro antiviolenza Doride) il dirigente dell’istituto Quasimodo di Floridia,  Salvo Cantone, il cavaliere della Repubblica Gabriella Colla  dell’ufficio scolastico regionale Piemonte e i rappresentanti delle scuole di Priolo, Augusta e Lentini che hanno ospitato la mostra.

A portare i saluti istituzionali è stata l’assessore alle Pari opportunità Simona Caldararo. Un momento particolarmente toccante è stato l’intervento sul palco del marito di Loredana Lopiano, la donna uccisa nei mesi scorsi dall’ex fidanzato della figlia (e alla quale il progetto era idealmente dedicato) che ha ringraziato quanti sono stati vicini alla sua famiglia in un momento così delicato “E’ molto difficile per me parlare  – ha detto Massimo, marito di Loredana – ma quello che voglio dire, soprattutto ai ragazzi è: cercate di rispettarvi, amatevi fra di voi. Non sappiamo più amare, non sappiamo più rispettarci. Cerchiamo di tornare ai valori di una volta


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo