Avola, concorso delle scuole per i “Fatti”: ecco i vincitori

Sul palco anche rappresentanti nazionali delle sigle sindacali

Concorso dedicato alle scuole in occasione del cinquantesimo anniversario dei “Fatti di Avola”: premiati i vincitori. Ieri al cineteatro Odeon cerimonia di premiazione per gli studenti avolesi che hanno risposto “all’appello” dell’amministrazione comunale e hanno partecipato massicciamente al concorso indirizzato a tutte le scuole di ordine e grado di Avola. Questo l’elenco dei premiati: categoria “scuole primarie”, ex aequo Benedetto Sebastiano Patanè 3B plesso Caia dell’Istituto comprensivo Capuana e Chiara Saviotto 5B dell’istituto Bianca/Vittorini; categoria “scuole secondarie primo grado”, video della 3 A, Istituto comprensivo Bianca/Vittorini; categoria “scuole secondarie di secondo grado” elaborato di Giusi Caruso, Martina Catinello, Giuseppe Grienti e Corrado Montoneri 3B indirizzo Turistico Majorana.

Presenti il sindaco Luca Cannata e l’assessore alla Cultura Simona Caldararo, sono intervenuti i segretari nazionali Flai Cgil Sara Palazzoli, Fai Cisl Onofrio Rota e il segretario provinciale Uil Stefano Munafò. “Siamo felici che abbiano aderito così tanti ragazzi – ha detto l’assessore Caldararo – a tutti loro l’amministrazione comunale dedicherà una giornata in cui sarà premiato l’impegno profuso da ciascuno in maniera così partecipe e puntuale”.

Il recupero della memoria dei “Fatti” compiuto dagli studenti è stato letto come strumento di interazione tra passato e presente – ha detto il sindaco Cannata – il progetto è stato recepito nella sua accezione più profonda che lega la memoria di ciò che siamo stati, il presente di ciò che oggi viviamo e il futuro in cui ci proiettiamo. La memoria dei “Fatti”, ricostruita dai ragazzi grazie al racconto dei nonni e dei genitori, in tal modo non andrà perduta assieme alle persone che la custodiscono”. Per l’occasione è stato proiettato anche il documentario “2 dicembre 1968” realizzato da Giovanni Di Maria e Gioacchino Tiralongo, che ricostruisce minuziosamente i tragici avvenimenti grazie ai racconti di chi li ha vissuti in prima persona


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo