Avola, aveva in casa un’arma giocattolo modificata, convalidato l’arresto ma passa dal carcere ai domiciliari anche perché incensurato

Durante l'interrogatorio di convalida dell'arresto l'indagato rispondeva alle domande poste dal Gip del Tribunale di Siracusa, spiegando le motivazioni che lo avevano indotto a detenere l'arma e le motivazioni inerenti alla detenzione della seppur modica sostanza stupefacente ritrovata dai militari

Si è tenuto, nella Casa Circondariale di Siracusa, l’interrogatorio di convalida dell’arresto operato nei confronti di E.D.F., classe ’80, da parte dei Carabinieri della Compagnia di Noto, che a seguito di perquisizione domiciliare, rivenivano un’arma giocattolo modificata rendendo la stessa del tutto un’arma clandestina, perfettamente funzionante.

Nel domicilio venivano rinvenute e sequestrate delle munizioni utili per l’arma stessa nella misura di 25 proiettili nonché veniva rinvenuta marijuana e cocaina in modiche dosi atteso che la prima era di 0,16 grammi mentre la seconda era di 0,2 grammi; infine veniva ritrovato e sequestrato anche un bilancino di precisione.

Durante l’interrogatorio di convalida dell’arresto l’indagato rispondeva alle domande poste dal Gip del Tribunale di Siracusa, spiegando le motivazioni che lo avevano indotto a detenere l’arma e le motivazioni inerenti alla detenzione della seppur modica sostanza stupefacente ritrovata dai militari operanti, a seguito della quale era stata disposta l’accompagnamento alla struttura penitenziaria di Cavadonna.

A seguito dell’interrogatorio, il Gip di Siracusa, accogliendo le argomentazioni utilizzate dal difensore, avvocato  Natale Vaccarisi, convalidava l’arresto applicando però allo stesso la misura cautelare degli arresti domiciliari in considerazione anche della assoluta mancanza di qualsivoglia precedente penale.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo