Avola, al “Vinitaly” i vini del territorio: presente anche l’assessore Orlando con il ministro Salvini

Tra le curiosità presentate al Vinitaly, una etichetta di nero d'Avola con la pianta esagonale della città

L’amministrazione Cannata presente al Vinitaly, la più importante rassegna di vini del Belpaese. La manifestazione che si è svolta a Verona nel fine settimana appena trascorso, che celebra la qualità e la biodiversità del patrimonio culturale e vitivinicolo italiano, ha visto protagonista, tra gli altri, anche il celebre “Nero d’Avola”, a cui la città iblea ha dato il nome.

Quest’anno, assieme all’associazione Nazionale “Città del Vino”, di cui Avola fa parte, abbiamo promosso ancora una volta il territorio dove è nato il vitigno fra i più prestigiosi e conosciuti nel mondo”. Sono le parole dell’assessore alle politiche agricole Antonio Orlando, presente al Vinitaly assieme al responsabile attività produttive dell’ente Carmelo Macauda.

L’evento di Verona è stato anche, per il Comune di Avola, preziosa vetrina per la rassegna sul nero d’Avola che si terrà al centro giovanile il 3, 4 e 5 maggio, in collaborazione con l’istituto regionale del vino e dell’olio,  l’assessorato regionale alle risorse agricole e l’associazione Nazionale Città del Vino e per la quale il presidente della regione Siciliana, Nello Musumeci, durante un incontro con l’assessore Orlando, ha mostrato apprezzamento per l’enorme impegno profuso nell’organizzazione. Tra le curiosità presentate al Vinitaly, una etichetta di nero d’Avola con la pianta esagonale della città.

Erano presenti, inoltre,  tantissimi produttori vitivinicoli siciliani e il ministro dell’Interno Matteo Salvini, con cui l’assessore Antonio Orlando e il responsabile Carmelo Macauda hanno avuto modo di verificare “quanto fatto dall’amministrazione Cannata in termini di promozione dei due prodotti  più noti, cioè mandorla e nero d’Avola e l’importanza della presenza in eventi internazionali


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo